Come nelle favole canta Vasco Rossi e la storica notte dell’Orogel Stadium Dino Manuzzi potrebbe proprio essere materiale per una favola. Aldilà della vittoria eccezionale (l’Imolese non aveva mai vinto negli undici precedenti in casa del Cavalluccio) è tutto il contorno del risultato ad emozionare i tifosi rossoblù ed alimentare le speranze di salvezza, affievolitesi dopo la sconfitta contro il Ravenna. Andiamo a ritroso e partiamo dalla fine: lo scatto da centometrista di Siano per unirsi all’abbraccio di gruppo sotto la curva Ferrovia. La fotografia di quell’abbraccio è densa di significati e conferma la bontà del lavoro, soprattutto mentale, portato avanti in settimana dal nuovo staff tecnico. è la testimonianza della vicinanza dell’intera rosa al bomber che interrompe il digiuno di goal con una pirotecnica doppietta (degna del titolo di “gollissimo” su Striscia la notizia). è la certificazione che la rosa sente la responsabilità verso questa maglia e le motivazioni sono state rinvigorite dai confronti settimanali. La prestazione di Cesena, per quanto essenziale e con pochi fronzoli, è esattamente quella che una squadra, che punta alla salvezza, dovrebbe sempre mettere in campo. Lo stesso Presidente Spagnoli – per la prima volta in panchina accanto alla squadra e all’inedito duo Mezzetti-Sintini – ha ben chiara in mente la strada da percorrere: “eravamo consci fin dall’inizio che ci saremmo dovuti giocare la salvezza fino all’ultimo minuto dell’ultima partita. Lo faremo con questo spirito e questa passione”. Il punto di ri-partenza è l’ultimo posto ‘scampato’, mentre i probabili playout saranno un doppio appuntamento da “giocarsi alla morte”. Ma nel breve periodo l’obiettivo rossoblù si chiama Gubbio e, solo successivamente, Matelica, in modo da consolidare la ‘posizione privilegiata’ nella quale andare ad affrontare il doppio appuntamento del 15 e 22 maggio. Potersi garantire il vantaggio dei due risultati su tre nel doppio confronto potrebbe essere la chiave con cui garantirsi il lieto fine, proprio come nelle favole.

Capitolo infermeria: Torrasi non figura tra i convocati, dopo essere uscito preventivamente dal campo contro il Cesena, e dovrebbe rientrare in gruppo all’inizio della prossima settimana. Così come Rondanini che ha pienamente superato l’infortunio, ma si aggregherà al gruppo solamente lunedì. Ancora out Sall e Piovanello, mentre si registra lo stop di Sabattini prima della rifinitura. Ritorna disponibile, dopo la squalifica, Accursio Bentivegna, mentre ‘a rischio’ sono Lombardi, Tommasini e Piovanello tutti e tre in diffida.

I CONVOCATI

Portieri: Nannetti, Rossi, Siano

Difensori: Angeli, Aurelio, Boccardi, Carini, Cerretti, Della Giovanna, Pilati, Rinaldi

Centrocampisti: Alboni, D’Alena, Lombardi, Masala, Onisa, Provenzano, Torrasi

Attaccanti: Bentivegna, Laghi, Morachioli, Polidori, Tommasini