Dopo il rotondo ko a Fiorenzuola, si tornerà al Romeo Galli domenica 12 novembre (ore 14.30) per il derby contro i biancorossi adriatici dei tanti ex

Da una capolista all’altra. Un inizio mese all’insegna delle sfide ad alta quota per l’Imolese che domenica 12 novembre (ore 14.30) ospiterà tra le mura domestiche del Romeo Galli il Rimini. Dopo l’inattesa battuta d’arresto contro il Fiorenzuola, gli uomini di Mister Gadda meditano il tempestivo riscatto nel derby romagnolo per non perdere contatto dalla vetta della classifica. Massima concentrazione nella settimana di allenamenti al centro tecnico Bacchilega dove il gruppo lavora coeso registrando l’indisponibilità degli acciaccati Guatieri e Tattini. Non sarà della contesa anche Alessandro Garattoni, appiedato dal giudice sportivo per un turno dopo l’espulsione rimediata in terra piacentina. Tra i convocati si rivedrà Raffaele Franchini e ci sarà la prima chiamata per il nuovo innesto Gian Maria Rossi. Neopromossa dall’Eccellenza dopo il “triplete” 2016/2017 (campionato, Coppa Italia Dilettanti Emilia-Romagna, Supercoppa Emilia-Romagna) e con una gloriosa storia calcistica alle spalle, la capolista Rimini attracca sulle rive del Santerno con il vento in poppa grazie alle recenti sei affermazioni consecutive. Trenta punti (9 vittorie, 3 pareggi ed 1 sconfitta) e l’attacco più prolifico del torneo (27 centri), con il contributo dell’ex rossoblù Alex Buonaventura (10 reti), inseriscono la compagine di Mister Simone Muccioli (ex timoniere del Romagna Centro) tra le principali candidate al salto di categoria. Nelle fila biancorosse vantano trascorsi ad Imola anche Alex Ambrosini (22 goal nella scorsa annata), Pietro Protino e Luca Righini oltre ad un rapido passaggio a livello di settore giovanile di Alessio Petti. Dirigerà l’incontro il Sig.Claudio Panettella (Bari) coadiuvato dagli assistenti Davide Stringini  (Avezzano) e Gianluca Roca (Foggia).

Massimo Gadda (allenatore Imolese Calcio 1919): “Si tratta chiaramente di una partita importante perché affrontiamo una delle tre squadre di vertice del torneo che attraversa un evidente momento di forma. Nonostante la sconfitta di Fiorenzuola, arriviamo molto tranquilli all’appuntamento casalingo perché in settimana abbiamo canalizzato la nostra concentrazione sugli allenamenti evitando di disperdere energie preziose in parole. Siamo convinti di fare bene; ho chiesto ai ragazzi di non soffermarsi troppo sulla lettura della classifica, il campionato è molto lungo e questo incontro non rappresenta l’ultima spiaggia. La forza di un collettivo si affina lavorando giornalmente sulla percezione dei propri valori che, in questa squadra, sono evidenti. Confido in una bella risposta della tifoseria e della città, questi derby si giocano anche sugli spalti”.