Il guerriero è tornato. Dopo l’infortunio di inizio stagione che l’ha tenuto lontano dal campo per qualche settimana, Mordini si è ripreso la fascia di capitano e il centrocampo, va in tackle sugli avversari, conquista palloni e incita i compagni. Il ‘Mordo’ è l’essenza del calcio tutto cuore e personalità:

Le quattro vittorie consecutive – dice Daniele – sono un bel biglietto da visita e una buona iniezione di fiducia per il futuro, le affermazioni con Sammaurese, Arzignano Chiampo, Villafranca Veronese e Mezzolara sono il frutto di buone prestazioni. Questo ci fa ben sperare per le partite che arriveranno.

Si è instaurato subito un grande feeling con il nuovo tecnico Guido Pagliuca:

Con il mister  sta andando tutto bene, noi giocatori dobbiamo solo continuare a lavorare con l’umiltà e la voglia di questo periodo, la strada intrapresa è quella giusta.

Una squadra deve sempre avere margini di miglioramento:

Li abbiamo e per centrarli ognuno di noi deve mettersi in discussione, questo è l’unico modo che conosco per fare risultato. La mentalità dell’Imolese deve essere sempre la stessa e non sono quattro vittorie a fila che possono farcela cambiare, non dobbiamo pensare a più di una partita per volta, ricordando che il risultato passa sempre attraverso il lavoro quotidiano.

Domani si torna in campo per la sfida di Coppa Italia con il Castelfranco Emilia, si gioca al Romeo Galli (ore 14.30):

L’obiettivo è il passaggio del turno, sarà un ottimo test  per continuare il trend di queste ultime giornate.

Domenica di nuovo il campionato con la trasferta di Borgo San Lorenzo dove l’Imolese ha sempre perso:

Questo è un buon motivo per fare una grande partita e tornare a casa con una vittoria che vendichi sportivamente parlando le sconfitte degli anni passati.