Il tempo delle amichevoli è scaduto. Da domenica si comincia a fare sul serio, nella sfida con la Correggese (Galli, ore 15) in palio ci saranno i primi tre punti della stagione, dall’altra parte del campo un’avversaria fra le favorite al salto di categoria.

A quattro giorni dall’esordio casalingo il punto in casa rossoblù con Alfonso Selleri:

Ci sono stati dei ritardi – dice Selleri – nella  formazione dei gironi e nella compilazione del calendario, una situazione che poteva essere gestita diversamente, dobbiamo accontentarci e adeguarci a quello che è uscito in fretta. Domenica dovremo essere già pronti  perché in campo sarà bella battaglia,  una sfida subito molto importante. Giocare in casa ti da qualche stimolo in più, sei più pronto perchè non devi pensare alla trasferta  dove sei costretto a muoverti prima da casa per affrontare il viaggio, questo ci  può essere d’aiuto.

L’Imolese ha cominciato a lavorare il 20 luglio, l’organico si è costituito un po’ alla volta con l’arrivo dei nuovi giocatori:

Sarebbe servita almeno una partita ufficiale di Coppa Italia per vedere a che punto sei con squadre del tuo stesso livello. In questi 40 giorni abbiamo lavorato tanto e imparato a conoscerci portando in campo le idee mister. La squadra è nuova, chi c’era conosceva già tutti i movimenti, ai nuovi  serviranno 2-3 partite ufficiale  per incamerare gli schemi, incontri che diranno a che punto siamo. Con la Spal a livello agonistico si è visto che siamo pronti,  ma senza gare ufficiali non puoi sapere a che punto sei. Questa è una pecca.

Mordini e compagni sono finiti nel girone D, un raggruppamento dove c’è il Parma e in cui non mancheranno i turni infrasettimanali:

Il girone è molto tosto, più di quello che ci si aspettava visto che sono stati fatti incastri con il Veneto, l’Altovicentino come avversario non se l’aspettava nessuno, sarà dura visto che i veneti sono una squadra costruita per vincere.  Avremo come avversarie almeno 7-8 formazioni che vogliono salire in Lega Pro, il nostro è il girone più difficile di tutti con tanti scontri importanti e belli da giocare.  Complessivamente ci sono 20 squadre, dovremo fare i conti anche con 18 partite nei primi due mesi e mezzo di stagione, praticamente non avremo tempo per pensare.