Prima Squadra

PARLA IL DIRIGENTE SPAGNOLI

By 08/01/2013 No Comments

In Italia pochi come Spagnoli. Giocatore e proprietario di parte del pacchetto azionario per cui ogni domenica scende in campo. La scorsa estate ha sorpreso tutti decidendo di prendersi il 60% di azioni dell’Imolese. Una scelta coraggiosa, dettata dalla voglia di fare calcio e di conoscere in maniera più approfondita l’ambiente in cui vive da quando era un ragazzino e dalla sua Ortonovo fece la valigia per trasferirsi a Verona. Ora si sta cimentando in questo ruolo inedito per chi ha ancora la testa da calciatore: “Sono contento – dice Spagnoli -, in 4-5 mesi sono riuscito a fare dei passi importanti a livello societario, ce ne sono ancora tanti da fare, ma c’è pure da migliorare quanto abbiamo messo in campo in questi primo mesi di vita”.

‘Spagno’ si divide fra campo, scrivania e la famiglia: “Questo all’Imolese è un lavoro che non ho ancora iniziato del tutto, la mia testa è ancora sul campo, mi affido molto ai miei collaboratori. Sono affascinato da questa idea di fare il dirigente e voglio coltivare e appena smetterò di giocare  farò dei corsi per dirigenti, studierò sempre di più per capire ancora meglio come funziona il mondo del calcio e le potenzialità che può offrire”.

Intanto la prima squadra sta facendo un campionato discreto: “Questo è un gruppo futuristico, nella prossima stagione non dovremo snaturare nulla ma inserire pochi tasselli nel mosaico per fare ancora meglio. Allo stesso tempo va potenziato lo staff dirigenziale, e nuove forze economiche sono sempre ben accette. La base è sempre il settore giovanile, competitivo e orgoglio di questo club, può essere la fonte per autofinanziare tutta l’attività. Mi piacerebbe poter migliorare le strutture già molto confortevoli. Per la prossima estate organizzeremo un torneo importante e un campus per giovani calciatori”.

Intanto Enrico Boschi si sta mettendo in luce e oggi partirà alla volta di Milano insieme al direttore tecnico Gianluca Ricci: “Farà un provino per l’Inter, tante società professionistiche lo vorrebbero anche subito, non bisogna bruciarlo e insieme alla famiglia deve fare la scelta giusta e al momento rimane ad Imola. Deve vivere questi mesi con serenità e gioia, questi sono i momenti più belli della sua vita, intanto in bocca al lupo per il provino con i nerazzurri, poi lo aspettiamo nel gruppo della prima squadra dove ha i mezzi per fare bene”. (Riproduzione riservata – Comunicazione Imolese Calcio – foto Sanna)spagnoli2