L’Imolese spera di ritrovare dentro all’uovo di pasqua sia i goal sia la vittoria: un successo riavvicinerebbe Carini e compagni a -2 dai marchigiani, mentre un risultato diverso rischierebbe di compromettere, forse irrimediabilmente, la corsa alla salvezza diretta. Anche quello con il goal è un appuntamento assolutamente non più rinviabile.  Sono quattro gare, infatti, che l’Imolese non segna, ma un girone fa proprio contro la Vis Pesaro l’attacco rossoblù trovo modo di sbloccarsi e di interrompere il digiuno ‘record’ di 8 partite. Ma se è vero che quel giorno, al Romeo Galli di Imola, i vissini riuscirono a ribaltare l’incontro (1-2 dopo il goal iniziale di Morachioli) è altrettanto vero che al Benelli di Pesaro ci attende una gara completamente diversa. Entrambe le squadre hanno cambiato sistema di gioco, hanno effettuato ritocchi importanti nel mercato di gennaio ed entrambe hanno accelerato il passo nel girone di ritorno. Attenzione però al “fattore assenze” perché se l’Imolese deve fare i conti con i problemi (appena superati) alla caviglia di Bentivegna e l’infortunio di Torrasi, la Vis Pesaro ha perso parecchi pezzi prima e durante il durissimo derby contro il Fano. A Tassi, Gennari, Stramaccioni, Benedetti, Di Paola – già assenti nel derby marchigiano – si aggiungerà molto probabilmente D’Eramo – uscito in lacrime e portato a braccia negli spogliatoi. I vissini faranno di tutto per recuperare Di Paola e D’Eramo per la loro capacità di far girare tutta la squadra, ma a prescindere dagli 11 avversari che scenderanno in campo l’Imolese dovrà sfornare una prestazione degna di uno scontro diretto. Contro Legnago e Arezzo è mancata solo la finalizzazione, ora speriamo che dentro l’uovo di Pasqua rossoblù ci siano i goal necessari per rimettere tutto in discussione.

Pasquale Catalano (allenatore Imolese Calcio 1919): “Sarà una partita delicata e importante. Affrontiamo una squadra che viene da risultati molto positivi, ma guardando i miei ragazzi negli occhi vedo la consapevolezza di essere pronti per questa partita.

Le partite sono sempre meno e quindi i punti sono sempre più importanti. Le motivazioni non mancano perché alleno un gruppo sano che si è sempre impegnato e che nei momenti negativi non ha mai perso la bussola. 

La Vis Pesaro ha un sistema di gioco ormai consolidato e che abbiamo studiato negli aspetti positivi, ma anche nei punti deboli. Noi dobbiamo andare in campo sereni per quello che abbiamo preparato e sappiamo fare. Mi auguro che la prestazione sia all’altezza di quello che ho visto durante la settimana.

Abbiamo qualche problemino fisico con, da ultimo, Piovanello che ha preso una brutta botta e quindi lo valutiamo domani”.

I CONVOCATI

Portieri: Rossi, Siano, Nannetti

Difensori: Angeli, Aurelio, Boccardi, Carini, Cerretti, Della Giovanna, Pilati, Rondanini

Centrocampisti: Alboni, D’Alena, Lombardi, Masala, Onisa, Provenzano, Sabattini

Attaccanti: Bentivegna, Laghi, Mattiolo, Morachioli, Piovanello, Polidori, Tommasini