Archiviata la splendida goleada contro il Rimini, i romagnoli si sposteranno in terra modenese per il derby di domenica 19 novembre (ore 14.30) sul sintetico del “W.Venturelli” contro una squadra in salute

La tornata d’andata del girone D di serie D imbocca il rettilineo conclusivo con una programmazione da cinque incontri prima della pausa natalizia. La lente di ingrandimento rossoblù si sposta dalla Romagna al cuore dell’Emilia per il derby di domenica 19 novembre (ore 14.30), a porte chiuse, sul sintetico del “W.Venturelli” contro il Castelvetro. L’influsso benefico della cinquina rifilata al Rimini ha portato una fresca ventata di entusiasmo al centro tecnico Bacchilega dove si prepara con minuzia la trasferta modenese. Squalificato Belcastro, non saranno della partita gli acciaccati Pellacani, Boccadamo e Garics oltre all’ormai nota sosta ai box di Tattini. Prima convocazione con ampi spiragli di impiego da titolare per il nuovo innesto Federico Carraro. Dopo la storica promozione in serie D (2015/2016) ed il 6° posto conclusivo della scorsa annata, il Castelvetro è incappato in un difficoltoso avvio di stagione che ha rimpastato la guida tecnica con il doppio esonero di Cristian Serpini e Giancarlo Corradini. Quest’ultimo aveva debuttato in biancoazzurro proprio sulle rive del Santerno nel match di Coppa Italia di categoria perso ai calci di rigore (8-7). La “resurrezione” emiliana ha un nome ed un cognome: Lorenzo Mezzetti. Immacolato lo score del nuovo timoniere castelvetrese che inanella tre vittorie ed un pareggio alimentando una striscia positiva complessiva di cinque risultati utili consecutivi aperta dal collega Corradini contro il Forlì (15 punti: 4 vittorie, 3 pareggi, 7 sconfitte). Bilancio di assoluta parità per quanto concerne gli scontri diretti tra le opposte fazioni con il sonoro 5-1 al Galli (tripletta di capitan Ferretti) ed il 3-1 del Castelvetro al ritorno. Dirigerà l’incontro il Sig. Alessio Caporale (Abbiategrasso) coadiuvato dagli assistenti Giuseppe Lipari (Brescia) e Andrea Perali (Chiari).

Massimo Gadda (allenatore Imolese Calcio 1919): “Una partita che nasconde tante insidie a cominciare dal manto sintetico del Venturelli, passando attraverso all’inedito impatto scenico di uno stadio a porte chiuse per giungere all’analisi statistica di una compagine avversaria davvero in forma. Il doppio cambio della guida tecnica ha portato bene al Castelvetro che ha trovato il proprio equilibrio tattico. Noi abbiamo l’assoluta necessità di confermarci dopo la bella prestazione contro il Rimini, ci sono alcune defezioni nell’elenco dei convocati ma dispongo di una rosa adeguata a sopperire senza patemi alle defezioni di giornata”.